Making of “Primule”

news

Come promesso oggi condivido con voi il mio lavoro su “Primule“. Spero che queste veloci dimostrazioni possano farvi apprezzare maggiormente il lavoro che sta dietro alla realizzazione di un’opera d’arte. A volte può sembrare un processo veloce e dettato dall’impulso, in realtà richiede studio e concentrazione: ogni pennellata, che sia essa per realizzare una sfumatura dello sfondo o una precisa che definisce una forma, è frutto di una pianificazione definita che mentre si concretizza sulla superficie della tela va corretta e riequilibrata.

Questo perchè per me l’Arte è un lento processo di equilibrio (sia interiore che estetico) in cui gli elementi si combinano in armonia, per poter portare leggerezza nello spirito di chi guarda.

Buona visione!

Making of “Blue horizon”

news

Mentre lavoro su una nuova collezione di opere e aspetto gli esiti di qualche concorso d’arte ho il piacere di mostrarvi un altro veloce video di “Making of”.
Questa volta si tratta di un piccolo video che mi ritrae nella realizzazione della mia ultima opera “Blue Horizon“: quest’opera è composta da due tele e rappresenta due punti di vista dello stesso paesaggio. Quella presente nel video è una delle due vedute, la n°1, nella quale si ha uno sguardo più ampio sull’orizzonte.

A volte quando inizio un progetto mi lascio trasportare dalla visione dell’opera, così come è successo in questo caso. Mi sono accorta di ciò che ho rappresentato e del luogo a cui è legata solo una volta finita la prima fase di pittura, ossia alla fine della stesura dei colori di base. Ho capito poi che ciò che stavo realizzando era un luogo estrapolato dalle immagini dei miei ricordi.

©Elisa Viotto -Blue Horizon 1

“Blue horizon” è un tuffo nella vastità del mare, quello che cerco sempre di scorgere quando mi avvicino ad esso, quello che intravedo tra fronde e scogliere, quello scintillante orizzonte che mi riempie il cuore. In questo caso è il mare di Trieste che scorgo dalla strada costiera che porta alla città, una strada che cerco sempre di percorrere quando ho l’occasione di visitare questa città che sa di vento e di mare.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Making of “A secret place”

news

Dopo l’esposizione romana e quella premiata di Treviso ho il piacere di portarvi all’interno del mio studio per seguire passo dopo passo la nascita di A secret place, l’opera vincitrice di We Art Open.

Così con questo mio secondo video su Youtube ho smascherato tutte le mie mosse! In circa 3 minuti scoprirete come da infinite pennellate può nascere un mondo intero: il mio.

Un progetto impegnativo quello di riprendermi durante la produzione, come impegnativo è stato il montaggio di tutti i segmenti di riprese per poter creare questo video.

Making-of di “Sguardo sul lago” – me on youtube!

news

Vi avevo promesso una sorpresa e finalmente posso condividerla con voi!
Oggi potete spiarmi mentre realizzo con i super poteri di Flash uno dei miei ultimi lavori. Ecco quindi il mio primo video: un making-of di “Sguardo sul lago“, l’ultimo disegno a china che ho realizzato e che vi ho presentato qui!

Questo è il primo passo che faccio in questo nuovo mondo, ma altri ancora ne seguiranno! Vi consiglio quindi di iscrivervi al mio canale Youtube, per entrare a far parte del mio mondo spensierato e per sapere prima di tutti quale sarà il prossimo video che caricherò!

subscribe channel

Non amo mettermi in mostra e sapere di essere ripresa mentre realizzavo questo disegno non mi faceva sentire propriamente a mio agio (anche se mi sono rinchiusa solitaria nel mio studio). Nonostante la difficoltà ho pensato che potesse essere interessante per voi seguire, “tratto dopo tratto”, tutti i movimenti che hanno portato alla luce un paesaggio fatto di piacevoli ricordi.

L’idea è quella di documentare ogni istante che porta al completamento di un’opera: potrete vedere lentamente formarsi su bianche superfici infiniti mondi incantati, compariranno come per magia tradotti dal movimento della mia mano.

Godetevi quindi questo primo video di un paio di minuti che riassume in una sola volta circa 3 giorni di lavoro di fino, lavoro di pennino!

È stato questo un primo esperimento, un’avvicinamento