Making of “Primule”

news

Come promesso oggi condivido con voi il mio lavoro su “Primule“. Spero che queste veloci dimostrazioni possano farvi apprezzare maggiormente il lavoro che sta dietro alla realizzazione di un’opera d’arte. A volte può sembrare un processo veloce e dettato dall’impulso, in realtà richiede studio e concentrazione: ogni pennellata, che sia essa per realizzare una sfumatura dello sfondo o una precisa che definisce una forma, è frutto di una pianificazione definita che mentre si concretizza sulla superficie della tela va corretta e riequilibrata.

Questo perchè per me l’Arte è un lento processo di equilibrio (sia interiore che estetico) in cui gli elementi si combinano in armonia, per poter portare leggerezza nello spirito di chi guarda.

Buona visione!

News in the gallery: “Primule”

news

Primule fa parte di un primo tentativo su tela di sondare nuove strade dela mia ricerca artistica. Ho deciso di concentrare per un po’ la mia produzione nel piacere delle forme naturali slegate dal concetto paesaggistico.

“Primule” nasce in piena stagione primaverile: la primula selvatica è infatti uno dei primi fiori a sbocciare con l’inizio della primavera. Questo fiore che trovo spesso nelle mie passeggiate, è di un giallo molto fresco e squillante ed è stato fonte di ispirazione per le tonalità che volevo inserire in questo lavoro.

Prossima esposizione : Connection 2-17 Giugno 2018 Firenze

news

Sono lieta di informarvi della mia partecipazione a questa esposizione collettiva presso Onart Gallery di Firenze che ha come tema la natura!

Questa mostra si propone attraverso l’operato degli artisti di scoprire il concetto di natura che risiede nell’arte oggi e del rapporto tra uomo e natura, ristabilendo una finestra sensibile da cui saper osservare in maniera tangibile la voce della natura e del rapporto di connessione che vi è tra noi ed essa.

News in the gallery: “Cloudy day”

news

In queste giornate di nuvole, vento e piogge primaverili posso finalmente presentarvi quest’opera! Sul finire dell’inverno un altro pezzo è stato portato a termine dopo qualche anno di stasi. I colori di questa tela mi piacevano un sacco ma non ero ancora riuscita a trovare una composizione che fosse all’altezza di queste tonalità.

Affascinata dalle pennellate libere che tanto mi piacciono nelle opere di altri artisti, ho deciso di provare ad inserirle per arricchire un cielo un po’ vuoto. A me queste pennellate piacciono. Non sempre si addicono al mio lavoro ma mi piacciono.
Come spesso capita con certe opere, ho rivisto e corretto questa tela almeno quattro volte, esaltando le parti che mi convincevano e aggiustando quelle che eramo meno forti fino ad ottenere il risultato sperato.

Alla fine ne è uscito “Cloudy day“, con la sua luce che emerge dallo sfondo e un rigoglioso movimento di forme naturali che si muovono e si sviluppano in primo piano.La luce che è sempre stata presente in questa tela è stata finalmente esaltata grazie alla contrapposizione dei vari strati di colore e tratti. Una luce che preannuncia l’arrivo di una tanto attesa rischiarita!

News in the gallery: “Winter rainbow”

news

Questo pezzo sorge dal tentativo di sondare nuove strade, tentando di concentrarmi maggiormente sulla fedeltà della visuale paesaggistica.
L’ispirazione nasce da una giornata invernale particolarmente scura e nuvolosa che poi, grazie a uno squarcio nel cielo, ha dato vita ad un arcobaleno di colori sulla superficie del mare, grazie ai riflessi e alle sfumature della natura.

Questa “rivelazione luminosa” mi ha talmente colpita che ho deciso di farla entrare a far parte dei miei “ricordi trascritti”: ho rielaborato quella visione e l’ho trasformata attraverso

News in the gallery: “Find your place”

news

L’opera nasce dalla ricerca di un luogo a cui affidare le mie difficoltà e farle volare via per ritrovare un equilibrio. Questo equilibrio spesso lo ritrovo nella linea dritta del mare all’orizzonte, una semplice linea ricca di sfumature cromatiche e variazioni temporali.

IMG_20180117_174548_410

In questo lavoro ho deciso di concentrare la mia attenzone sul tratto, quasi ogni dettaglio viene qui descritto da linea e punto. Ho voluto giocare con la sinuosità nella rappresentazione delle nuvole, con l’istintività del gesto nella descrizione delle rocce e la serenità calma di un mare piatto.

Il cielo occupa una parte importante dell’opera: nuvole come petali lanciati nel vento, così come lo sono i mie pensieri liberati nell’aria. Tutto ritrova il suo equilibrio

Making of “Blue horizon”

news

Mentre lavoro su una nuova collezione di opere e aspetto gli esiti di qualche concorso d’arte ho il piacere di mostrarvi un altro veloce video di “Making of”.
Questa volta si tratta di un piccolo video che mi ritrae nella realizzazione della mia ultima opera “Blue Horizon“: quest’opera è composta da due tele e rappresenta due punti di vista dello stesso paesaggio. Quella presente nel video è una delle due vedute, la n°1, nella quale si ha uno sguardo più ampio sull’orizzonte.

A volte quando inizio un progetto mi lascio trasportare dalla visione dell’opera, così come è successo in questo caso. Mi sono accorta di ciò che ho rappresentato e del luogo a cui è legata solo una volta finita la prima fase di pittura, ossia alla fine della stesura dei colori di base. Ho capito poi che ciò che stavo realizzando era un luogo estrapolato dalle immagini dei miei ricordi.

©Elisa Viotto -Blue Horizon 1

“Blue horizon” è un tuffo nella vastità del mare, quello che cerco sempre di scorgere quando mi avvicino ad esso, quello che intravedo tra fronde e scogliere, quello scintillante orizzonte che mi riempie il cuore. In questo caso è il mare di Trieste che scorgo dalla strada costiera che porta alla città, una strada che cerco sempre di percorrere quando ho l’occasione di visitare questa città che sa di vento e di mare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Prossima esposizione: Arte Fiera Vicenza 7 -10 Aprile

news

Alla sua prima edizione la Fiera d’Arte di Vicenza accoglie quattro mie opere nel padiglione dedicato agli artisti emergenti. Così come lei anche io sono alla mia prima esperienza fieristica e sono contenta che ciò avvenga nella città in cui ho sempre vissuto.

La fiera è stata inaugurata già ieri e sarà visitabile fino al 10 aprile. Facilmente raggiungibile dall’uscita di Vicenza Ovest dell’autostrada A4 Milano-Venezia potrete arrivarci senza grossi problemi.

Per maggiori informazioni visitate il sito della fiera (da cui potrete scaricare anche il biglietto ridotto pagando solo 1 euro!), troverete una lista delle Gallerie d’Arte e degli artisti presenti in fiera.

Le mie opere saranno presenti presso il padiglione 7 nello stand 814 dove sono esposte le opere selezionate dall’Associazione “Il Sestante” di Trieste (organizzatrice del Premio LYNX della medesima città).

Alla prossima!

Making of “A secret place”

news

Dopo l’esposizione romana e quella premiata di Treviso ho il piacere di portarvi all’interno del mio studio per seguire passo dopo passo la nascita di A secret place, l’opera vincitrice di We Art Open.

Così con questo mio secondo video su Youtube ho smascherato tutte le mie mosse! In circa 3 minuti scoprirete come da infinite pennellate può nascere un mondo intero: il mio.

Un progetto impegnativo quello di riprendermi durante la produzione, come impegnativo è stato il montaggio di tutti i segmenti di riprese per poter creare questo video.

And the winner is… We Art Open

news

Ebbene si, se non l’avete già saputo sono la vincitrice ufficiale di We Art Open!! Quel 25 Febbraio è stata una giornata piena di sorprese ed emozioni!

We Art Open Winner Elisa Viotto

L’inaugurazione della mostra è quindi andata meglio di quanto mi aspettassi (anche se qualche speranza come è ovvio già ce l’avevo) e ho quindi portato a casa il primo premio di questo evento! Son soddisfazioni!